L’estate è una bella stagione, ma come noi soffriamo il caldo lo soffrono anche gli animali, compresi i cavalli.
Un’eccessiva esposizione a temperature elevate può causare anche ai cavalli il temuto “colpo di calore”. Il colpo di calore, o anche ipertermia, è l’aumento molto rapido della temperatura corporea e la difficoltà dell’organismo a riportarla a livelli normali. Dobbiamo quindi prestare la massima attenzione per evitare di esporre il nostro cavallo a questo rischio tipico della stagione calda e umida. Il colpo di calore può colpire sia i cavalli in box sia al paddock. Box poco ventilati e capannine da paddock poco ombreggiate si possono trasformare in piccoli forni. Come prima cosa evitiamo di lavorare con il cavallo nelle ore troppo calde della giornata e controlliamo che nel box e in tutta la scuderia ci sia una buona ventilazione, se il nostro cavallo vive all’aperto assicuriamoci che abbia una zona d’ombra dove potersi riparare dal sole e dal caldo. Se notate che pur non facendo nulla sta sudando, o sospira spesso, o respira strano, portatelo in un posto più ventilato e all’ombra. Il colpo di calore spesso si presenta con piccole cose che potrebbero sembrare normali. Anche se il cavallo sta bene può essere di beneficio una doccia con sola acqua fresca e  poi lasciarlo all’ombra ad asciugare. Nella stagione calda lasciate sempre a disposizione dell’acqua fresca da bere. Alimentazione fresca, erba, frutta e verdure crude aiutano ad integrare i liquidi, i sali minerali e gli zuccheri. Per scongiurare il pericolo di carenze di sali minerali, parlando con il veterinario, considerate la possibilità di aggiungere del sale nella dieta o somministrare degli elettroliti. Ricordate  che prevenire è sempre meglio che curare perchè dalle banalità possono nascere problemi molto seri.

Nel caso in cui il vostro cavallo stia sudando eccessivamente, abbia il respiro affannato ed affrettato, abbia un’aria molto sofferente a causa di un malessere generale e presenti la temperatura corporea molto alta, il cavallo va messo immediatamente in un posto all’ombra e ventilato, e bagnato con acqua fredda. 

Se si hanno dubbi di qualsiasi genere o la situazione sembra eccessiva è bene contattare il veterinario, in casi importanti in cui è subentrata una disidratazione che non si risolve solo bevendo un po’, su decisione del veterinario, può essere utile una o più flebo.. in ogni caso attenersi alle sue decisioni.

OFFERTE ELETTROLITI  – CLICCA QUI